Prodotti Per Piscine Fuori Terra

Le piscine da giardino sono un passatempo davvero divertente dove fare tanti giochi in piscina e rilassarsi con la propria famiglia o in compagnia di amici.

Un aspetto meno piacevole dell'avere una ​piscina è sicuramente quello di badare alla sua manutenzione. Infatti alghe e funghi possono facilmente proliferare soprattutto in una piscina da esterno, aperta agli agenti atmosferici.

Per nostra fortuna, questo non è un problema ai giorni nostri. Infatti, utilizzando un pratico pulitore per piscine o effettuando un trattamento shock in caso di emergenza, tutti i nostri problemi di acqua torbida possono essere facilmente risolti.​

In questa pagina andremo a vedere quelli che sono i più comuni e diffusi prodotti per piscine che ci aiuteranno a mantenere la nostra piscina fuori terra sempre pulita, sicura e pronta al nostro divertimento.


Vaschetta Lavapiedi

Per prima cosa, assicuriamoci che i nostri piedi siano puliti prima di entrare nella piscina. Soprattutto se si è in giardino e soprattutto i bambini, tendono a combinarne di tutti i colori.

Correre scalzi nel terreno non è certamente l'ideale prima di entrare a fare una nuotata in piscina. Questa di certo è la ricetta per una piscina torbina in un batter d'occhio!

Questa vaschetta lavapiedi della Intex vi permetterà di sciacquare i piedi prima di entrare in piscina proteggendo la piscina anche da eventuali funghi che si possano sviluppare.​

Vedi su Amazon >>

Cloro in Pastiglie per Piscine Fuori Terra

Il cloro è un elemento indispensabile per assicurare che la nostra piscina rimanga igienica e sicura. Soprattutto se bambini useranno la piscina, non volete certamente rischiare la loro salute lasciando che germi e batteri proliferino nella vostra piscina da giardino!

Il cloro uccide i batteri in una reazione chimica piuttosto semplice. Quando aggiungi le pastiglie di cloro (o il cloro in soluzione), l'acqua reagisce con il cloro dando acido ipocloridrico e lo ione ipoclorito. Entrambe uccidono microorganismi e batteri attaccando le membrane che li costituiscono e quindi distruggendo enzimi e strutture all'interno che divengono così innocui.
La differenza tra acido ipocloridrico e lo ione ipoclorito è la velocità con cui reagiscono. L'acido ipocloridrico può uccidere microorganismi nel giro di pochi secondi, mentre lo ione ipoclorito può necessitare fino a 30 minuti. 

Vedi su Amazon >>

Dosatore Cloro

Soprattutto con bambini in piscina, potrebbe essere rischioso lasciare pastiglie di cloro in giro nella piscina.

Con questo dosatore della Bestway​, averete un dispositivo galleggiante che dispenserà cloro per voi. Non solo, potrete anche regolare il livello a cui il cloro viene rilasciato per un rilascio più graduale del prodotto disinfettante per piscine fuori terra.

Si consiglia in ogni caso la supervisione di un adulto per bambini di età inferiore agli 8 anni.

Vedi su Amazon >>

Anti-alghe​ (Alghicida)

Il cloro può non bastare per fermare la proliferazione di alghe. Le alghe infatti sono costituite da cellule di diverso tipo rispetto a batteri. Pertanto l'azione del cloro potrebbe non essere sufficiente.

Per questo motivo in commercio possiamo trovare prodotti anti-alghe efficaci ed in grado di prevenire e bloccare la proliferazione di alghe in piscina.

Per le istruzioni di utilizzo, riferitevi all'etichetta del prodotto.​

Vedi su Amazon >>

Colorante Per Piscina​

Se volete dare alla vostra piscina un bell'effetto oceano o semplicemente per rafforzare il colore naturale, in commercio potete trovare dei coloranti che funzionano allo scopo.

Vi basterà semplicemente versare il colorante nell'acqua e voilà! Il colorante non è tossico e non è permanente quindi non dovrete temere.

Ideal per feste con bambini o feste aziendali, i coloranti per piscina daranno quel tocco simpatico in più alla vostra piscina.​

Vedi su Amazon >>

Anti-calcare Per Piscina

Il calcare si sa, è una brutta bestia. Si deposita ovunque e lascia aloni e crea scaglie davvero indesiderabili che possono dare l'idea di un prodotto sporco e poco pulito.

Ahimè, la piscina non è esente da questa piaga e pertanto per risolvere il problema, dovremo rivolgerci a prodotti quali anti-calcare per piscina.

Economici e facili da usare, riferitevi all'etichetta per le istruzioni sull'utilizzo.​

Vedi su Amazon >>

Misuratore pH e Cloro/Bromo

Misurare il pH della piscina fuori terra è importante e va fatto regolarmente.

Infatti i livelli di cloro dipendono dal pH dell'acqua della piscina. Se il pH è troppo alto, poco cloro sarà presente e la pulizia richiederà molto più tempo del solito. I livelli di pH desiderabili sono tra 7 e 8 con 7.4 ideale.

Inoltre bisogna sapere che il cloro si degrada con il tempo quindi ogni tanto va aggiunto del nuovo. Come sapere quando aggiungere nuovo cloro?

Con questo kit misuratore di pH e cloro della Bestway potrete misurare questi livelli in pochissimo tempo.​

Vedi su Amazon >>

Svernante Multifunzione - Antigelo Per Piscine

Utilizzato dopo i necessari trattamenti shock e prima della chiusura con copertura invernale, questo svernante permette il mantenimento corretto dell'acqua durante il periodo di non utilizzo.​

Questo prodotto ha infatti azione antibatterica, alghicida , antigelo ed anticalcare, specifico per il trattamento invernale dell'acqua.​

Per le istruzioni, riferirsi all'etichetta del prodotto.​

Vedi su Amazon >>

Come Effettura Il Trattamento Clorazione D’Urto per Piscine Fuori Terra

Se avete una piscina, sapete cosa può accadere se non vi prendete cura dell’acqua. Trattare una piscina con sostanze chimiche è praticamente l'unico modo per evitare che vi crescano e moltiplichino batteri e alghe all'interno. È richiesta molta diligenza per mantenere una piscina fuori terra sana ed evitare che l’acqua diventi torbida. Tuttavia, il vostro lavoro può essere molto più facile se effettuate il trattamento shock della piscina anche detto clorazione d'urto o trattamento d'urto.

Che Cos'è il Trattamento Shock

Ogni volta che entrate nella vostra piscina, state aggiungendo agenti inquinanti all'acqua. Non c'è un vero modo per evitare che ciò accada. La pelle è continuamente esposta ad agenti inquinanti, si perdono capelli, si ha del sapone, profumi, deodoranti o creme sul corpo che poi si possono diffondere nell’acqua. Anche Madre Natura contribuisce ad aggiungere agenti esterni nella piscina, anche con la migliore copertura. Ci saranno sempre polvere e polline nell'aria, così come le foglie. Tutte queste cose possono avere un impatto enorme sull'acqua e, purtroppo, il vostro Maytronics Dolphin 2001 da solo non sarà in grado di rimuoverli. Pertanto, la maggior parte delle persone mette il cloro in piscina e si dovrebbe continuare a fare ciò anche se fate il trattamento shock, per il semplice fatto che il cloro uccide i batteri e distrugge tutti i contaminanti che vengono a contatto con l'acqua.

Una volta che il cloro ha attaccato le cose indesiderate all'interno della piscina, ha fatto il suo lavoro e non è più un cloro attivo. Questo può rendere l'acqua della piscina ancora più torbida a meno che non si elimini. È qui che entrano in gioco i trattamenti shock.

Il trattamento shock serve ad ossidare il cloro inattivo, trasformandolo in un gas che viene poi rilasciato nell'aria. Saprete che sta funzionando, perché sentirete l’odore del cloro una volta rilasciato nell'aria. Ossidando il cloro, la vostra piscina diventerà limpida e più divertente per tutti, perché nessuno vuole fare il bagno in una piscina che sembra sporca.

Il Miglior Prodotto Per Il Trattamento Shock Piscina

Clorchoc by Spool (Gre)

Se siete alla ricerca di un buon trattamento shock, potete prendere in considerazione questo prodotto. Chlorchoc by Spool è conveniente e uccide tutti i batteri e le alghe per darvi una piscina cristallina. È utilizzabile in tutti i tipi di piscine. È perfetto per ridurre l’odore di cloro e l’irritazione oculare. Inoltre non aumenterà il livello di pH della vostra piscina

Quando Effettuare il Trattamento Shock per Piscina

La maggior parte dei trattamenti shock dovrebbe essere fatta durante le ore notturne. Il sole farà evaporare il cloro troppo rapidamente e i trattamenti si dissolveranno prima di ossidare. È importante farlo di notte anche perché la maggior parte dei trattamenti non permette di nuotare in piscina per circa 8 ore. Prima di iniziare il trattamento bisognerebbe passare l’aspiratore e assicurarsi che qualsiasi detrito di grandi dimensioni sia stato rimosso (come foglie, ghiande, ecc). Si consiglia un robot aspiratore, come il Maytronics Dolphin 2001, per ridurre la manutenzione manuale.​

Ogni Quanto Effettuare Il Trattamento Shock

Sarebbe opportuno testare l’acqua della piscina ogni settimana. Se non lo fate, dovreste. La maggior parte delle volte, i test vi diranno la quantità di cloro libero o totale presente nell’acqua. Più cloro libero avete, più sarà efficace l’eliminazione dei batteri. Il cloro totale dice quanto cloro è stato usato nell’acqua fino al momento del test. Se il totale supera le quantità di cloro libero, un trattamento shock sarà l’ideale. Senza un kit per testare l’acqua, se sentite un forte odore di cloro, dovrete nuovamente prendere in considerazione un trattamento shock perché può significare che lo sporco nella piscina abbia raggiunto livelli molto alti.

Un trattamento shock può essere una buona idea anche quando l’uso della piscina è maggiore magari per via di visite di amici, o dopo forti piogge e venti, e ovviamente, dopo aver cambiato l’acqua alla piscina. Il trattamento shock riporterà i livelli ai limiti di sicurezza.

Come Effettuare il Trattamento Shock Piscina

Prima di decidere come effettuare i trattamenti shock, dovrete prima capire quali sono i trattamenti di cui avere bisogno. Ci sono 4 tipologie disponibili. Ognuna di esse è adatta ad aree che possono avere problemi specifici.

Shock di Ipoclorito di Calcio​

​Questo trattamento shock è il migliore tra tutti. Contiene il 65% di cloro e aggiunge calcio all’acqua. Dovete dissolverlo in un secchio da 19 litri d’acqua prima di aggiungerlo alla piscina per renderlo più efficiente. Questo processo gli darà la possibilità di dissolversi completamente prima di entrare nell’acqua della piscina dove invece avrebbe potuto non dissolversi e formare candeggina nella piscina. Bisogna fare il procedimento di notte perché poi non si potrà nuotare per 8 ore.

Shock di Ipoclorito di Litio​

Se c’è già del calcio nell’acqua, perché aggiungerne ancora? Questo trattamento è privo di calcio e non avrete bisogno di dissolverlo prima di metterlo in acqua. Sarà però ancora necessario farlo di notte perché non si potrà nuotare per 8 ore.

Shock di Di-Cloro​

​Questo trattamento shock è ottimo se vivete in zone calde. Aggiunge acido cianurico che è uno stabilizzante del cloro per prevenire la perdita veloce del cloro per colpa del sole. Non è necessario pre-dissolverlo, ma bisogna farlo di notte e aspettare 8 ore prima di nuotare.

Shock di Potassio Perossimonosolfato o senza cloro​

Alcune persone usano bromo al posto del cloro nelle loro piscine. Se siete tra loro, potete usare questo trattamento. È privo di cloro, non ha bisogno di essere pre dissolto, può essere aggiunto in qualsiasi momento, e potrete tuffarvi in piscina dopo soli 15 minuti. Se invece usate il cloro, potrete ancora aggiungere questo trattamento in sicurezza.

Una volta individuato il trattamento che fa al caso vostro, dovrete seguire alcuni passi per assicurarvi di fare il trattamento in modo sicuro e corretto. Questi passi includono l’utilizzo di guanti e protezione per gli occhi per evitare che della polvere vi infastidisca, indossare vestiti vecchi per evitare di scolorirne alcuni buoni, usare acqua calda per dissolvere i trattamenti e mescolare con un bastone di legno. La chiave sta nell’aggiungere il trattamento alla piscina lentamente, a prescindere che sia pre dissolto o meno.​


Come Usare Un Pulitore Per Piscina

Anche se le piscine fuori terra hanno bisogno di molta meno manutenzione, richiedono comunque alcune attenzioni per restare sempre pulite. Un telo per piscine fuori terra aiuterà moltissimo a tenere lontani detriti, in alcuni casi sarà necessario usare un pulitore per prevenire la formazione di alghe sulle pareti e sul pavimento. Se l’acqua è torbida, è chiaro che la piscina abbia bisogno di una pulita e sarebbe meglio evitare di farvi il bagno. Inoltre bisognerebbe passare l’aspiratore dopo i trattamenti shock per eliminare tutti i detriti. Quando pensate al budget dedicato alla vostra piscina tradizionale o fuori terra, calcolate un aspirapolvere per piscine, a meno che naturalmente non decidiate di acquistare la piscina fuori terra con i pulitori già inclusi. Gli aspiratori hanno un prezzo che va dai 100€ fino ai 3000€ per quelli davvero professionali. Inoltre, si possono avere sia pulitori manuali che meccanici. Una delle ragioni per cui le persone comprano i pacchetti con aspiratore incluso è perché non sono istruite su come pulire. Cercare di capire il filtro e lo skimmer e il pulitore può essere scoraggiante e sembra tanto lavoro. La verità è che se si impara, può essere un processo molto semplice. Tenere il passo con la propria piscina non è in realtà così difficile come tutti pensano. Bisogna solo spendere del tempo per imparare a farlo correttamente e quindi assicurarsi che diventi parte della propria routine. In questo articolo, parleremo della pulizia della piscina, sia manuale che automatica.

Come Usare Un Pulitore Per Piscina Manuale

Ogni aspiratore per piscina manuale è costituito da una testa aspirante, un tubo e un palo. La prima cosa che bisogna fare è collegare il palo alla testa aspirante. Il palo vi permetterà di spostare l'aspiratore intorno alla parte inferiore della vostra piscina con facilità per raccogliere i detriti. Successivamente, sarà necessario collegare un'estremità del tubo alla testina aspirante. Il punto in cui connetterlo dovrebbe essere abbastanza ovvio e semplice per ogni aspiratore. Un lato del tubo ha una testa orientabile ed è proprio quello che si collega alla testa aspirante. La testa aspirante può quindi essere passata sul fondo della piscina grazie al tubo. Assicuratevi di tenere l'altra estremità del tubo in mano. Potete poi inserire l'altra estremità del tubo nella presa d'acqua (dove l'acqua entra nella piscina) in modo che il tubo si riempia d'acqua. Se vedete le bolle, è un buon segno! Una volta che l'acqua scorrerà nel tubo, senza bolle d'aria, affonderà sotto la superficie. Adesso dovrebbe iniziare l’aspirazione. Se non funziona, probabilmente avete ancora dell'aria nel vostro tubo flessibile. È poi possibile collegare il tubo allo skimmer che deve essere montato sul lato della vostra piscina tramite la piastra di adattamento dell'aspiratore. Adesso il vostro aspiratore è pronto per l'uso! Usando il palo lungo collegato alla testa di aspirazione, si può far scivolare la testa lungo la parte inferiore, i lati e gli angoli della vostra piscina per iniziare a raccogliere i detriti. È meglio evitare grandi foglie o altri detriti finché non si è quasi finito in modo da non intasare l'aspiratore. Pulite tutto ciò che trovate e tutta la sabbia dal fondo e poi passate a qualcos'altro. Ovviamente, i detriti di grandi dimensioni che possono essere raccolti con una rete dovrebbero essere presi prima in modo da non intasare o danneggiare il vostro aspiratore. Una volta che la piscina è pulita, è possibile scollegare il tubo dal filtro.

Come Utilizzare Un Pulitore Per Piscina Automatico

Ci sono tre tipi principali di aspiratori automatici che variano nel prezzo e nelle funzioni.

Robot Pulitore Per Piscina​

Gli aspiratori robotici per piscina, come il popolare Gre RKJ14 Kayak Jet (foto sopra), o il Bings Remore RBOTIC, sono sistemi autonomi per la pulizia della piscina che fanno tutto esclusivamente da soli senza l'intervento umano. Fanno un lavoro fantastico e raccolgono i detriti, che si tratti di piccoli granelli di sabbia o di grandi foglie. Questo sistema si spinge nella parte inferiore, i lati e pulisce e lava la piscina mentre cammina. Anche se questi aspiratori automatici sono i più costosi, sono i più efficienti e probabilmente vi farebbero risparmiare molto denaro in futuro.

Aspiratore Per Piscina Ad Effetto Venturi

I sistemi di aspirazione ad effetto Venturi sono i migliori per le piscine in cui si accumulano detriti di grandi dimensioni. Questo sistema è alimentato dalla pressione dell'acqua, sfiora la superficie e aspira i detriti in un sacchetto distinto anziché nel filtro. Poiché si concentra sui detriti più grandi, talvolta non riesce a prendere lo sporco che viene poi raccolto nel filtro. Questi pulitori possono essere acquistati con o senza una pompa ausiliaria facendo variare il prezzo notevolmente. Essendo alimentati dalla pressione dell'acqua, la pompa ausiliaria è consigliata per far lavorare bene l'aspiratore. Anche con una pompa ausiliaria, di solito il prezzo è più basso rispetto a quello degli aspiratori robotici.

Aspiratore Per Piscina A Suzione

I sistemi di aspirazione laterale sono spesso i meno costosi tra quelli automatici. Questo sistema si avvale del sistema di pompaggio e di filtraggio già esistente. L'aspirazione della pompa consente all'aspiratore di muoversi intorno alla piscina e raccogliere detriti. Tuttavia, se il sistema di pompaggio e filtraggio esistente è debole, l'aspiratore non sarà molto efficiente. E poiché tira i detriti nel vostro sistema di filtraggio, vi sarà richiesto di cambiare il filtro più frequentemente. A parte questo, è possibile regolare la pompa per rendere l'aspiratore più efficiente. Uno dei più popolari aspiratori laterali è questo pulitore automatico della Bestway.

Pulitore manuale vs. Pulitore automatico

La grande domanda che la gente si pone è spesso questa: devo prendere un pulitore automatico, come il pulitore robot Dolphin Diagnostic 2001 o un sistema di aspirazione manuale? Purtroppo, non posso rispondere per voi, perché è davvero una questione di opinione e di budget. Un sistema manuale è il meno costoso tra le opzioni. Questo però richiederà più lavoro da parte vostra, ma probabilmente farà un lavoro migliore di un pulitore automatico, in particolare intorno ai gradini o la scaletta che sono difficili da raggiungere per la maggior parte dei pulitori automatici. Significa anche che la piscina non necessiterà di pulizia così spesso. D'altra parte, se si preferisce godersi completamente la piscina piuttosto che pulirla e se il budget lo consente, allora il pulitore automatico potrebbe essere la soluzione migliore. Una volta che lo si imposta, fa tutto il lavoro da solo.​


Come Risolvere il Problema dell’Acqua Torbida

La manutenzione della piscina fuori terra è di solito abbastanza semplice, ma a volte bisogna fare i conti col problema dell’acqua torbida. L’acqua torbida è un segnale che ci dice che qualcosa non va con la vostra piscina, che si tratti di chimica o di qualcosa di completamente diverso. Indipendentemente da ciò, non solo è poco invitante, ma è un pericolo per la sicurezza, perché l'acqua non viene pulita correttamente. Determinare la causa dell'acqua torbida è il primo e più difficile passo verso la risoluzione di questo problema. La prima cosa da controllare è la presenza di alghe visibili sulle pareti. Se ci sono, seguite il prossimo passo per rimuovere le alghe. In caso contrario, passate alla sezione "Perché l’acqua della mia piscina è torbida?” per determinarne la causa.

Come Eliminare le Alghe

Se le alghe sono visibili lungo le pareti o sui gradini della vostra piscina, attenetevi alla seguente procedura per rimuoverle. Questo procedimento potrebbe già da solo risolvere il problema dell’acqua torbida.​

  • Aspirare e spazzolare accuratamente le pareti della piscina e il pavimento
  • Aggiungere un composto a base di cloro con il sistema di filtraggio della piscina attivo (verificate con i produttori la quantità adeguata per uccidere le alghe). Il sistema di filtraggio deve essere attivo per 24 ore al giorno (dai un'occhiata alla nostra guida su come fare la clorazione d'urto)
  • Se le alghe non scompaiono entro 12-24 ore, aggiungere una seconda dose del liquido. Ripetere fino a quando le alghe saranno morte.
  • Rimuovere le alghe dalla piscina aspirando di nuovo.

Se avete rimosso tutte le alghe e l'acqua è ancora torbida, si tratta di un problema più serio da affrontare.

Perché l’acqua della mia piscina è torbida?

Ci sono vari motivi per cui l’acqua della piscina possa diventare torbida, per questo può essere difficile trovare la causa esatta e risolvere il problema.

  • Controllate il filtro: assicuratevi che sia pulito, filtri correttamente e che sia attivo ogni giorno per i tempi consigliati (8-12 ore). Verificate inoltre che il filtro che si sta utilizzando non sia troppo piccolo per la vostra piscina.
  • Controllate la pompa: assicuratevi che funzioni correttamente e che sia pulita o altrimenti lavatela ( con tutto ciò che è raccomandato dal produttore) e assicuratevi che la dimensione sia giusta per la vostra piscina.
  • Assicuratevi che l’acqua in piscina circoli correttamente, puntando verso il basso in modo sincronizzato facendo scorrere l'acqua in modo circolare.
  • Assicuratevi di aggiungere i composti chimici e pulire la piscina regolarmente. Se non siete sicuri di aver pulito la piscina correttamente, leggete il nostro articolo su come usare un aspirapolvere per piscine.

Se la pompa è troppo piccola o troppo grande per la vostra piscina, prendete in considerazione l'acquisto di una nuova pompa, come ad esempio una delle pompe Intex. Se l'acqua non circola in modo appropriato, considerate l'aggiunta di un robot da piscina, come il pulitore Hayward, per la manutenzione meno manuale. Se avete la certezza che la pompa e il filtro siano delle dimensioni adeguate per la vostra piscina, che funzionino correttamente e pulite la piscina regolarmente, allora è probabile che il problema sia causato da uno squilibrio chimico.

Testare l’acqua della piscina

Comprate un kit di test dell’acqua e assicuratevi che i livelli siano questi:​

  • ​Cloro libero: 1-3 ppm
  • Il cloro combinato dovrebbe essere a zero
  • Alcalinità totale (TA): di solito 90-120 ppm
  • Durezza del calcio (CH): 200-350 ppm

Come Pulire una Piscina con Acqua Torbida

Se uno qualsiasi dei livelli chimici precedentemente citati è sbagliato, è necessario regolare le sostanze chimiche e bilanciarle. Se il pH o i livelli di TA sono troppo alti, potrebbe essere necessario un riduttore di pH. Se la CH è elevata, provate a ridurre la quantità di cloro a base di calcio che state utilizzando. Dopo aver regolato le sostanze chimiche, avviate il sistema di filtraggio della piscina e riprovate di nuovo in 12-24 ore. Se l’acqua è ancora torbida, provate ad aggiungere un chiarificatore chimico per far eliminare bene i detriti dal filtro, lasciandolo attivo e verificando eventuali miglioramenti. Questo procedimento potrebbe richiedere alcuni cicli, ma attenzione a non usare troppo chiarificatore o potrebbe avere effetti negativi.

Se avete ancora problemi di acqua torbida, dovreste consultare un professionista che possa capire e risolvere il problema. Fino ad allora, è fortemente consigliato di stare fuori dall’acqua perché potrebbe essere pericolosa.​